Inizio > Escursioni > Alta via del Tigullio (GE), 14 ottobre 2007

L'Alta via del Tigullio

L'Alta via del Tigullio è un itinerario di crinale che percorre tutta la catena montuosa che fa da cornice al Golfo del Tigullio, congiungendo Portofino a Chiavari.
La vicinanza al mare e le altitudini modeste (quota più alta gli 801 m. del Monte Manico del Lume) lo rendono percorribile in qualsiasi stagione dell'anno, e la lunghezza è tale da poterlo coprire anche in sole 2 tappe. Noi abbiamo programmato di affrontarlo a fine primavera/inizio autunno, suddividendolo in 7 tappe:

S.Margherita Ligure-Monte di Portofino-Camogli
Camogli-Monte Orsena-Rapallo
S. Pietro di Novella-Monte Orsa-Monte Manico del Lume-S.Pietro di Novella
Rapallo-Monte Manico del Lume-Monte Pegge-Rapallo
Rapallo-Monte Pegge-Monte Rosa-Rapallo
Rapallo-Monte Rosa-Monte Castello-Zoagli
Zoagli-Monte Castello-Monte Anchetta-Chiavari

Scelta dettata dall'opportunità di visitare  gli stupendi borghi marinari del Golfo (godendoci eventualmente un po' di mare al rientro da ogni tappa) e, percorrendo gli impegnativi sentieri di collegamento tra questi e l'Alta via, scoprirne anche l'entroterra.

Bibliografia:
Parodi, Alte vie della Liguria, Andrea Parodi editore, Genova, 2003
Riviera di Levante, Golfo del Tigullio - Carta dei sentieri e rifugi 1:25.000, Edizioni Multigraphic, Firenze

Dettagli escursione

Camogli-Ruta-Monte Esoli-Monte Ampola-Monte Orsena-Costa di Benna-Case Nuove-Turin-Le Rocche-S.Maria del Campo-S.Anna-Rapallo

Seconda tappa dell'Alta via, che riprendiamo da Camogli, punto d'arrivo della prima tappa, e concludiamo a Rapallo dopo aver salito 3 cime.

Dalla stazione di Camogli (32 m.) svoltiamo a sinistra fino a un piazzale (sempre sulla sinistra), da cui si percorre una curva su carrabile fino ad incontrare una scalinata: la manteniamo in salita dopo aver tagliato una prima volta l'asfaltata (androne) fino al successivo sbocco sull'asfaltata, che si segue a destra in leggera salita fino al Santuario della Madonna del Boschetto (75). A sinistra della chiesa inizia la pedonale per Ruta (269), che sale lungo muri di cinta e si segue senza grandi incertezze pur se non segnata, individuandone facilmente il prosieguo dopo due sbocchi su carrabile, così come la direzione da tenere in un paio di bivii (quella suggerita dalla posizione dell'abitato). In una mezz'oretta arriviamo al belvedere antistante la galleria (notevole il panorama sul Golfo del Paradiso), a sinistra della quale saliamo seguendo il segnavia FIE "due cerchi vuoti", fino alla Chiesa "millenaria" di S.Michele (281).
Il sentiero prosegue a sinistra su scalinata, entrando in breve nel bosco alle pendici del Monte Esoli (442), che si contorna ad est fino ad una sella con magnifica vista sui due golfi (Paradiso e Tigullio), sui monti di Genova ed il massiccio del Beigua. Si continua sul crinale salendo più decisamente, fino alla sella successiva, che separa l'Esoli dal Monte Ampola (panorama se possibile ancor più emozionante). Qui confluisce il sentiero "triangolo vuoto" proveniente da Recco, che aggira l'Ampola ad ovest: noi però preferiamo salire in vetta (su cui sorge un traliccio con annesso locale tecnico, 580) per il sentiero che sale dritto sulla cresta (rari segnavia "cerchio pieno" ormai scoloriti, ma traccia ben evidente), scendendo poi altrettanto direttamente alla sella prativa (498) tra l'Ampola ed il Monte Orsena, dove - al limitare di un bosco - ritroviamo il sentiero segnato abbandonato in precedenza. Lo seguiamo per pochi metri, imboccando di fronte a noi l'antica e malridotta scalinata in pietra che sale ripidamente (ma di recente è stata realizzata una via pedonale meno faticosa che aggira il monte a sud) al Santuario della N.S. di Caravaggio, proprio in vetta all'Orsena (615, 2h 5' dalla partenza).

Una breve sosta per immortalare il notevole panorama sui monti ed il Golfo del Tigullio (e scoprire, nostro malgrado, l'esistenza presso il santuario di ben due eliporti, assistendo in diretta all'atterraggio ed immediata ripartenza di un elicottero dei Vigili del Fuoco), e iniziamo la discesa a Rapallo per il sentiero segnato con una linea e due cerchi pieni. Immersi in un rigoglioso castagneto, contorniamo a sud le pendici della Costa di Benna, fino al valico con il Monte Orsa nei pressi della Croce di Spotà (414), dove si incontra il sentiero "quadrato vuoto" diretto a S.Pietro di Novella, che lasciamo a sinistra svoltando seccamente a destra (segnavia carente). Il sentiero, ora lastricato (probabilmente nei secoli passati dai fedeli di S.Maria del Campo per facilitare l'ascesa al Santuario) pur se mal tenuto, scende rapidamente fino a Case Nuove (280), dove prosegue brevemente su carrabile, che poi taglia più volte (segnavia carenti); passando per Turin (275) e Le Rocche arriva all'autostrada, che fiancheggia e poi attraversa tramite ponte pedonale, giungendo ai ruderi della chiesa romanica di S.Tomaso. Per oscuro budello sulla sinistra si scende, tra impianti sportivi ed un lussureggiante parco privato, a S. Maria del Campo (25), raggiungendo la strada provinciale (1h 25' dal Santuario), che seguiamo su marciapiede fino a Rapallo (6), attraversando S.Anna (10). Un'altra mezz'oretta e, percorrendo Corso Mameli, giungiamo in Piazza Cavour e di qui alla vicina stazione.

 

Distanza percorsa: 16,17 km
Tempo impiegato: 4h
KCal bruciate: 1155,3
0710140001.JPG
Madonna del Boschetto166 visite
0710140004.JPG
Verso Ruta101 visite
0710140007.JPG
Scorcio da Ruta97 visite
0710140009.JPG
Chiesa millenaria di Ruta129 visite
0710140014.JPG
Panorama dal Monte Esoli111 visite
0710140015.JPG
Recco e il Golfo di Genova93 visite
0710140016.JPG
Panorama dalla sella dell'Ampola93 visite
0710140018.JPG
Confluenza109 visite
0710140019.JPG
Rapallo dalla sella dell'Ampola81 visite
0710140020.JPG
Salita all'Ampola98 visite
0710140021.JPG
Monti Castelletto e Cassinea salendo l'Ampola253 visite
0710140024.JPG
Campo scout ai piedi dell'Orsena142 visite
0710140025.JPG
Conca di Avegno83 visite
0710140026.JPG
Salita al Santuario112 visite
0710140028.JPG
Rapallo dal Santuario97 visite
0710140030.JPG
Santuario e canonica116 visite
29 immagini su 2 pagina(e) 1