Inizio > Escursioni > Intorno alla Rocca d'Olgisio (PC), 18 giugno 2006

Dettagli escursione
Chiarone-Rocca d'Olgisio e ritorno


Lasciata l'auto nel posteggio dell'omonima trattoria, proprio all'ingresso del borgo di Chiarone (263 m.), torniamo sui nostri passi fino al ponte sull'omonimo torrente, a sinistra del quale si stacca, molto infrascato (provvidenziale il cartello CAI), il sentiero contrassegnato col segnavia 209. Fortunatamente la vegetazione è infestante solo per pochi metri, dopodichè si procede agevolmente in falsopiano raggiungendo una zona di calanchi. Pochi metri e il percorso devia a sinistra (250), inerpicandosi ripidamente nel bosco (l'erta più impegnativa incontrata finora!) per poi spianare innestandosi in una mulattiera (398), che si segue a sinistra in salita ignorando una diramazione che sale da destra. Si procede in moderata ascesa allo scoperto fino ad incontrare, trascurandolo, il sentiero 209a proveniente da sinistra (419); poco dopo, al termine di un'ampia curva a destra, si abbandona la carrareccia salendo a destra nel folto, per confluirvi brevemente più innanzi, lasciandola però subito con una svolta a destra nel bosco (467).

A quota 500 circa si esce allo scoperto con bella vista su Casa Cisello: inizia qui il tratto più spettacolare, ma anche esposto, sulla cresta (543) della Rocca d'Olgisio, con passaggi sullo scivoloso crinale formato da stratificazioni arenacee notevolmente inclinate sul sottostante precipizio (percorso assolutamente sconsigliabile col bagnato). Il tratto difficile termina, rientrando nel bosco sul lato opposto del crinale, quando si è in vista della Rocca (530 circa): il tempo di fermarsi ad onorare il cippo di un partigiano caduto per la libertà, e si entra nel giardino posteriore della fortezza (592), attraversandolo fino alle mura, di cui si costeggia il perimetro nell'ampio vallo erboso.
Giunti all'estremità nord-ovest della cinta muraria, ci si discosta da essa proseguendo dritto su gradoni modellati sulla pietra calcarea; dopo pochi metri, sulla destra, effettuiamo una deviazione per raggiungere le Grotte di Santa Liberata e Santa Faustina (o Grotte della Goccia), ampie e suggestive cavità di origine preistorica (570).

Tornati sui nostri passi, procediamo brevemente in cresta sulle rocce (bel panorama sulla Rocca e Casa Cisello) per poi discendere gradualmente nella boscaglia (501) fino al guado del Rio Tinello (300 circa); poco oltre, trascuriamo il sentiero 211 che sale a destra verso il Monte San Martino, riprendendo gradualmente quota lungo l'itinerario 209. Il sentiero confluisce in una carrareccia (332) che a sua volta, effettuata una piega a destra, si immette sulla comunale per Chiarone, che raggiungiamo agevolmente svoltando a sinistra.

Tempo impiegato: 2h 52' 05'' (di cui 25' per soste varie)


Cartografia:

Appennino piacentino - Carta escursionistica 1:50.000, Regione Emilia-Romagna-CAI, Parma, 2004

IMG_0001.jpg
Ingresso III cinta muraria201 visite
IMG_0002.jpg
Panorama lato ovest60 visite
IMG_0004.jpg
Ingresso cimitero interno64 visite
IMG_0006.jpg
Edificio seicentesco82 visite
IMG_0018.jpg
Loggiati aperti e chiusi69 visite
IMG_0019.jpg
Panorama dalla terrazza70 visite
IMG_0020.jpg
Corridoio del mastio63 visite
IMG_0021.jpg
Panorama dal mastio77 visite
IMG_0023.jpg
Cortile interno83 visite
IMG_0026.jpg
Monte Aldone dal mastio83 visite
IMG_0027.jpg
Cucina65 visite
IMG_0029.jpg
Angolo cottura68 visite
IMG_0030.jpg
Vista dal lato est68 visite
IMG_0031.jpg
Torrione lato est65 visite
IMG_0032.jpg
Lato est65 visite
IMG_0033.jpg
Calanchi nei pressi di Chiarone100 visite
57 immagini su 4 pagina(e) 1