Inizio > Escursioni > Monte Osero (PC), 15 febbraio 2009

Mappa e dettagli escursione

Casa Bosco della Camera-Monte Osero-Montosero-Casa Bosco della Camera


Visualizzazione ingrandita della mappa

Rotto positivamente il ghiaccio (è proprio il caso di dirlo!) con la salita all'Aserei innevato, per la nostra seconda escursione sulla neve osiamo una meta non precedentemente sperimentata nella bella stagione. Oggi la scelta è paradossalmente più complicata rispetto ad un mese fa, perchè non nevica da almeno un paio di settimane, quindi si tratta di individuare una montagna a quote non troppo alte (per limitare i tempi di avvicinamento in auto), con una via d'accesso regolare, e dove l'innevamento resista. Consultate varie fonti in nostro possesso, optiamo per il Monte Osero, morbida vetta della dorsale che fa da spartiacque tra le valli del Nure e del Perino.

Giunti da Piacenza a Perino per la SS45 della Val Trebbia, dalla piazza del paese svoltiamo a sinistra per Bettola, percorrendo la SP39 fino al Passo del Cerro. Qui prendiamo a sinistra in direzione Calenzano, e subito dopo - guidati dal segnavia biancorosso CAI - ancora a sinistra verso Montosero. Percorsi circa 300 metri, lasciamo l'auto nel primo spiazzo utile lungo la banchina, proprio dinanzi all'isolata Casa Bosco della Camera (805 m.), da cui si gode una notevole vista sul massiccio del Monte Gonio, il Monte Armelio e la Pietra Parcellara.

Saliamo gradualmente lungo l'asfaltata che taglia verso sud, diventando sterrata dopo alcuni tornanti, con il bosco a sinistra e la dorsale tra Val Perino e Val Trebbia a destra. Oltrepassata una costruzione rurale dall'aspetto simile ad un rifugio, anche a sinistra la vista si apre sulla Val Nure, con in primo piano Montosero dominato dal Monte Zucchero: qui abbandoniamo la strada principale, che scende all'abitato, seguendo la mulattiera contrassegnata dal segnavia CAI 001, che sale a destra fiancheggiando una casa isolata (960).

È possibile abbreviare il percorso salendo fin qui in auto, a rischio però di non trovare posto per parcheggiare, specie d'inverno con la neve accumulata a bordo strada (come oggi). C'è spazio per non più di due vetture, a nostro avviso non ne vale la pena.

Qui iniziano le prime difficoltà tecniche legate al fondo, con l'attacco della salita ricoperto di ghiaccio vivo, che superiamo senza problemi con un po' di attenzione. Il prosieguo sarà comunque più agevole, caratterizzato per lo più da fanghiglia alternata a neve indurita: il sentiero procede di costa entrando nel folto - la visuale si aprirà solo ad una radura nei pressi del nuovo cimitero di Montosero, sui monti che formano le valli del Restano e del Groppo Ducale - per poi uscire allo scoperto a valicare un colletto erboso (qui senza traccia alcuna di neve).
Il fondo cambia radicalmente solo al successivo rientro nel bosco, ormai giunti alle pendici dell'Osero: di qui in avanti procederemo su neve indurita al limite del ghiacciato, con qualche difficoltà di presa che superiamo "aggrappandoci" ai bastoni. Nessuna incertezza di orientamento, invece: ci si lascia a destra il sentiero CAI 181 diretto a Calenzano (1058), fino al belvedere sottostante la vetta (1231).
Breve sosta contemplativa e ci dirigiamo alla cima, che raggiungiamo a vista - qualche sporadico segnavia offre un ausilio modesto - inerpicandoci per il prato innevato tra radi arbusti. L'ampia spianata sommitale, completamente ricoperta di neve, è sormontata da un alberello isolato e contorto, sotto il quale è stata posta una edicola votiva dedicata alla Madonna. E' inoltre delimitata da una recinzione, che teniamo come riferimento per muoverci tutt'attorno, a godere ed immortalare il panorama a 360° sulle montagne imbiancate delle valli del Nure, del Perino, del Trebbia, e dell'Arda. Si distingue persino il profilo delle Alpi Apuane!
Peccato che cotanta pace e meraviglia siano turbate da due enormi cani, del tutto ignorati dal proprietario inchiodato a lungo sotto l'alberello, che seguiteranno ad abbaiare ed inseguirci con fare tutt'altro che amichevole fino a che il padrone si deciderà a scendere.

Per la discesa seguiamo lo stesso tragitto dell'andata, ma con ben maggiori difficoltà di equilibrio sul tratto innevato nel bosco: il calo della temperatura ha reso la neve più ghiacciata, con GiElle a scivolare a terra più volte, per fortuna senza conseguenze a parte le...ammaccature al posteriore. Meno male che avevamo scelto un percorso poco esposto e dal fondo morbido! Comunque, dopo questa esperienza GiElle correrà a dotarsi di ramponcini di emergenza, un giusto compromesso tra praticità e sicurezza su percorsi non alpinistici.

Dalla vetta dell'Osero è possibile proseguire verso ovest lungo il sentiero CAI 181, che effettua un anello nella valle del Perino toccando Piccoli e Calenzano, per poi risalire confluendo nello 001 alle falde del monte, dove all'andata l'avevamo lasciato sulla destra. Il percorso si allunga così di almeno un paio d'ore.

Raggiunto il bivio per Montosero, decidiamo di eseguire una deviazione per visitare il borgo (938), ritornando poi sulla strada della Camera fino a ritrovare l'auto nei pressi di Casa Bosco della Camera.

Distanza percorsa: 8,53 km
Tempo impiegato: 4h 3'
Energia impiegata: 674,7 KCal

Cartografia:
Appennino Piacentino - Carta escursionistica 1:50000, Regione Emilia-Romagna/CAI, Parma, 2004
Alto Appennino Piacentino - Carta escursionistica 1:50000, Regione Emilia-Romagna/CAI, Piacenza, 2006

2009_0215_121424.JPG
Pietra Parcellara da Casa Bosco della Camera123 visite
2009_0215_121500.JPG
Gruppo Gonio e Mangiapane da Casa Bosco della Camera37 visite
2009_0215_121524.JPG
Monte Armelio da Casa Bosco della Camera39 visite
2009_0215_122813.JPG
Monte S.Agostino, Monte Capra e Poggio Vaccari salendo verso Montosero26 visite
2009_0215_124517.JPG
Prati innevati ai piedi dei monti salendo verso Montosero33 visite
2009_0215_130016.JPG
Valli del Groppo Ducale e del Restano dal cimitero di Montosero37 visite
2009_0215_130832.JPG
Monte Zucchero e Monte Obolo dal cimitero di Montosero46 visite
2009_0215_131033.JPG
GiElle salendo all'Osero44 visite
2009_0215_131642.JPG
Osero e Cogno si avvicinano37 visite
2009_0215_134917.JPG
Salita all'Osero nella neve27 visite
2009_0215_140206.JPG
GiElle sotto la vetta dell'Osero35 visite
2009_0215_140232.JPG
Val Nure da sotto la vetta dell'Osero29 visite
2009_0215_140406.jpg
Alpi Apuane da sotto la vetta dell'Osero31 visite
2009_0215_140428.JPG
GiElle scruta i monti sotto la vetta dell'Osero35 visite
2009_0215_140625.JPG
Salita alla vetta dell'Osero..a vista.30 visite
2009_0215_141812.JPG
Monti della Val Ceno dalla vetta dell'Osero29 visite
31 immagini su 2 pagina(e) 1